Ispirata alle Saison belghe, ha sentori complessi ma delicati, tra i quali si avvertono note citriche e pepate, che derivano da questo straordinario ceppo di lievito. Il finale è secco e amaro e rende questa birra molto dissetante e beverina nonostante il discreto grado alcolico. Una birra che non riuscirete a dimenticare facilmente.

6,0% Alc. 13°P

Questa birra è l’evoluzione della Blonde, che ho deciso di trasformare in una vera e propria Saison. L’ispirazione per questa birra mi è venuta bevendo alcune birre belghe di nuova generazione, dove l’uso dei luppoli di Poperinge completava il carattere particolare dato dai lieviti tipici per questo stile. La fermentazione di questa birra è decisamente lenta e viene condotta a temperature inusuali, cosa che spinge il lievito a produrre una serie di composti aromatici caratterizzati da note citriche e pepate che le donano grande freschezza e croccantezza.   L’aggiunta di una piccola quota di zucchero in bollitura permette di ottenere una buona secchezza finale. È una birra molto facile ma al tempo stesso assai seducente, colta al momento giusto regala grandi emozioni e sommo piacere. Ricordo che d’estate, quando torno a casa dopo una lunga giornata di lavoro e il sole non è ancora del tutto tramontato, spesso mi concedo un aperitivo sul balcone mentre osservo le colline e il cielo che si colora di rosa, rosso e arancione nell’ora del crepuscolo. La Saison mi accompagna sempre in quei momenti: ne bevo almeno una botglia da 75, anzi, spesso più di una.